Una mujer con imaginación es una mujer que no sólo sabe proyectar la vida de una familia, la de una sociedad, sino también el futuro de un milenio.”

___________________________________________________

Una donna con la fantasia è una donna che non solo sa come pianificare la vita di una famiglia , di una società , ma anche il futuro di un millennio.”

 

Questa mattina c’e’ stato il primo incontro delle rappresentanti dei gruppi femminili delle comunita’,

le comunita’ del paramo, tutte presenti, con i loro cappelli, i loro ponci colorati, e la timidezza che le caratterizza,e nello stesso tempo la voglia di tentare un cammino, di sentirsi un po’ inviate dalle loro compagne.

Le comunita’ del sud tropico, con la stanchezza del viaggio per alcune iniziato verso le 3/4 del mattino, ma anche da loro si respirava la voglia di mettersi in gioco, molte di loro non sanno ne leggere ne scrivere, cosi abbiamo affrontato alcuni temi attraverso i disegni.

Il tema principale e’ legato alla produttivita’ e all’economia, alla necessita’ di avere qualche soldo in piu’ , con l’idea “ nuova” di leggere loro stesse le necessita’ e le risorse del loro gruppo, si e’ parlato di polli , di artigianato, di corsi, dal pane ai computer, orti comunitari, turismo.

Si e’ parlato di cosa significa “essere leader “, creando un po’ l’immagine di una persona che conosce e ama la sua gente, che anima e spinge ad alzarsi, a unirsi ,a cominciare per qualcosa di nuovo, o riprendere qualcosa che avevano lasciato indietro.

Abbiamo anche chiesto di eleggere tre coordinatrici di zona, alle quali fare riferimento (tentativo di far camminare la cosa senza di noi) , hanno deciso di dividere la parrocchia di Salinas in tre aree:

- la signora Yolanda( Salinas) responsabile delle comunita’ del paramo

- la signora Laura ( La Palma ) respondsabile delle comunita’ che si trovano tra il paramo ed il sud-tropico

- la signora Narcisa ( Chazojuan) responsabile di tutte le comunita’ del sud tropico,

Loro si incaricheranno di organizzare gli incontri e di venire poi con noi a visitare le rispettive comunità. Abbiamo concluso con un calendario di incontri e appuntamenti per le varie zone, e il pranzo per tutte.

Per me e’ stato davvero emozionante , dovevamo stare un ora e siamo rimaste li due ore, non tutte si conoscevano, insomma pensare da dove vengono e vedere che in loro c’e il desiderio di un cammino comune davvero mi insegna molto.

L’incontro di oggi e’ sia l’inizio di un percorso, sia il risultato di essere andate nelle comunita’, di aver conosciuto le persone, di sentire che anche noi cominciamo ad essere parte ( per quanto ci sia concesso) di questo mondo.

Grazie a tutte queste donne, vorrei farvele conoscere.

Un saluto caro a tutti voi e un abbraccio.

Erica